GAETA tra arte e storia

ANNO PER ANNO


Anno: 865 Anno: 866 Anno: 867

Gaeta e zone limitrofe
mod Ver Anno Data Golfo Mondo Tipo Descrizione Fonte DOC
si866GaetaMeridionestoria(866 - 871) L'imperatore Ludovico II compie la quinta spedizione nel Meridione. E' il suo sforzo maggiore per eliminare i Saraceni e ridurre in suoi vassalli i potenti meridionali

(P. e M. Corbo Gaeta La storia Vol. I - 1985)


P. e M. Corbo (1985)
si86600-06-0866Gaeta, MontecassinostoriaA Montecassino, dove sosta l'imperatore, sono invitati a prestare giuramento di vassallaggio i signori di varie città. E' molto probabile l'intervento degli ipati di Gaeta COSTANTINO e MARINO, che giurano fedeltà.
L'atto di Costantino e Marino avrà conseguenze per tutta la storia successiva di Gaeta: grazie a questo giuramento Ludovico considererà Gaeta come di propria appartenenza e quindi si riterrà in diritto di donarla al papa; quest'ultimo si riterrà quindi legittimato a considerare la cittadina come di sua pertinenza.
Tutto ciò si scontrerà con la politica dei cittadini gaetani, che non accetteranno mai di sottomersi al potere temporale del papa e darà luogo ad azioni anche molto drastiche e sanguinose.

(P. e M. Corbo Gaeta La storia Vol. I - 1985)
(R.Tucciarone - I Saraceni nel ducato di Gaeta - 1991 - pag. 44)


P. e M. Corbo (1985) - R. Tucciarone (1991)

Altre parti del mondo
mod Ver Anno Data Golfo Mondo Tipo Descrizione Fonte DOC
si866Napolistoria(866-867) Ludovico II impiega il primo anno a ridurre all'obbedienza i signori locali. Solo Napoli si ribella e riesce ad evitare il vassallaggio.

(P. e M. Corbo Gaeta La storia Vol. I - 1985)
P. e M. Corbo (1985)
si866CostantinopolistoriaMichele III associa al governo Basilio I

Fine Elenco




GAETA tra arte e storia è un progetto