GAETA tra arte e storia

ANNO PER ANNO


Anno: 1090 Anno: 1091 Anno: 1092

Gaeta e zone limitrofe
mod Ver Anno Data Golfo Mondo Tipo Descrizione Fonte DOC
si109100-02-1091GaetaCapuastoriaUna violenta rivolta costringe Gaiteldrima, vedova di Giordano di Capua a scappare insieme a tutti i normanni presenti.
Si rifugiano ad Aversa, da dove erano venuti 32 anni prima e dove passeranno anni di esilio ed umiliazioni.
Il principato di Capua, smembrato tra una multitudine di signorotti che si definiscono Baroni, Conti, Militi, Eroi, č travagliato da continue guerricciole interne e da un'anarchia politica. E' la fine del potenza del principato.
Anche Gaeta rivendica la sua autonomia e considera decaduto il duca Rinaldo Ridello. Per circa un anno, probabilmente, non ci fu nessun duca.


si109100-04-1091Gaeta, Lenola, Pico, MontecassinostoriaRiccardo dell'Aquila, conte di Pico, con il consenso di Rinaldo Ridello, duca di Gaeta e conte di Pontecorvo, dona all'abbate Oderisio di Montecassino il monastero di S. Elia, sito in 'castrum Ambrifi' (Lenola)

si109101-12-1091GaetastoriaIl documento concernente la disputa tra il vescovo e un certo Leone Trituru, evidenzia come l'amministrazione della giustizia sia ormai competenza delle strutture cittadine.
Il vescovo, infatti, per far valere i propri diritti si rivolge a Giovanni 'illustrissimus et sapientissimus iudex' e agli 'idonei sapientes viri'; tra questi ultimi troviamo cognomi che nei secoli successivi fecero la stroria politica ed economica della cittā: Gattola, Castagna, Baraballo, Sorrentino.


Codex Diplomaticus Cajetanus, doc CCLXIV

Altre parti del mondo
mod Ver Anno Data Golfo Mondo Tipo Descrizione Fonte DOC

Fine Elenco




GAETA tra arte e storia č un progetto